Linee guida per la Meditazione


La preghiera è quando la mente è focalizzata e l'uomo parla con l'Infinito. La meditazione è quando la mente diventa completamente pulita e ricettiva, e l'Infinito parla con l'uomo. (Yogi Bhajan, The Aquarian Teacher Training Manual p. 129)

Banner Centro Yoga & Massaggi Sat Nam
Che cosa è la meditazione ?
La meditazione nel Kundalini Yoga contiene specifici e pratici strumenti che con cura e precisione supportano la mente e guidano il corpo attraverso l'uso del respiro, mantra, mudra, e focalizzazioni. La gamma e la varietà di tecniche di meditazione nella tradizione del Kundalini Yoga è veramente straordinaria. Yogi Bhajan ha trasmesso centinaia di meditazioni fatte su misura per applicazioni specifiche. Ci sono meditazioni che riducono lo stress, lavorano sulle dipendenze, aumentano la vitalità e purificano i chakra, solo per citarne alcune. Mentre esistono molti, molti stili e approcci alla meditazione, ciò che contraddistingue questo approccio alla meditazione è la sua precisione, efficacia e praticità.

Pulizia della Mente
"La meditazione è un processo .... in qualsiasi momento che è tranquillo (il migliore è la mattina presto, prima dell'alba), sarete sorpresi che in un paio di minuti un sacco di pensieri inizierà a venire a voi, i pensieri innominabili, quelli brutti, i pensieri rabbiosi. Se si lascia che questi pensieri passino, questa è meditazione. Tutti quei pensieri che possono passare in quel momento della tua vita non potranno mai entrare nella tua mente subconscia, e non ti daranno fastidio di nuovo. Questa procedura di pulizia della mente è chiamata meditazione .... ci vogliono circa tre minuti per ottenere questo tipo di pensieri. E a volte continuano a presentarsi per circa mezz'ora. Ma, se fisicamente non ti muovi, la mente diventa ferma. Questo è il fondamento, o l'inizio della mente meditativa. Una volta che la tua mente inizia a diventare ferma e a non avere pensieri, ti sentirai confortato, e questo conforto non può essere descritto nemmeno da me. Tutto quello che posso dirti è che è molto confortevole, è molto accogliente, e si vuole farlo ancora e ancora. Ma all'inizio non si può fare per un lungo periodo di tempo. A poco a poco, come si sviluppa questa comodità, questo processo di annullamento del pensiero diventa più breve." Yogi Bhajan 21/2/78

C'è il mito che quando ti siedi, si dovrebbe essere in grado di calmare la mente. La mente genera migliaia di pensieri al secondo. Quando ci si siede tranquillamente e si punta la messa a fuoco verso l'interno, si diventa molto consapevoli di ciò che sta accadendo nel background della mente. Le distrazioni sono la regola. Basta continuare e tornare al mantra o ad altri punti di messa a fuoco. Non valutare e reagire ai pensieri estranei. Lasciateli processare dal mantra. Abbiate pazienza con voi stessi. La meditazione può spesso essere felice o molto accogliente appena la mente meditativa stabilisce un luogo di elevata coscienza. A volte la meditazione può essere addirittura miserabile. La meditazione è un processo di purificazione. Puoi trovarti ad osservare alcuni sgradevoli e brutti pensieri mentre stai meditando. La cosa importante è tenere il passo ! I mantra e le meditazioni stanno facendo il loro lavoro. Stai pulendo e sbarazzandoti della negatività che sta coprendo la luce divina dentro di te.

"Una persona che ha la pazienza di permettere alla mente di passare attraverso le sue buffonate, pur rimanendo saldamente piantata, sperimenterà qualcosa. Quel " qualcosa" è diverso per ogni individuo, ma sarà, in un modo o nell'altro, un risveglio del Sè. Con questa nuova consapevolezza arriva il cambiamento interiore, poi il cambiamento esteriore" Shakti Parwha Kaur

Linee guida per la Meditazione

Quando meditare
Ogni volta che funziona per voi, soprattutto se è la stessa ora ogni giorno. Tenete a mente che il primo mattino, l'Amrit Vela, è migliore perché vi imposta per l'intera giornata ed è naturalmente un tempo di riflessione tranquillo (soprattutto prima dell'alba). In serata (al tramonto o prima di andare a letto), è anche un buon momento.

Dove meditare
Scegliete un luogo dove non sarete disturbati, o vulnerabili, o distratti. Provate a utilizzare lo stesso posto ogni giorno. Rendetelo il vostro posto; si può riempire con candele, fiori, immagini spirituali e/o immagini di luoghi bellissimi e qualsiasi altra cosa che è edificante, calmante, ispirante. Sedetevi su una pelle di pecora, su una coperta di fibra naturale o, se necessario su un cuscino, oppure su una sedia dedicata a questo scopo.

Impegnarsi a meditare
Qualunque sia la meditazione che si sceglie di fare, per ottenere il massimo beneficio, impegnatevi completamente a farla per un certo periodo e per una certa durata di tempo. Tenete a mente che 3 minuti al giorno sono più efficaci di 31 minuti una volta a settimana. Se salti una giornata, non abbatterti, basta iniziare di nuovo e tenere il passo !

Sintonizzati con l'Adi Mantra
Recita Ong Namo Guru Dev Namo tre volte prima di iniziare la meditazione. Si può anche scegliere di fare un kriya o qualche esercizio di riscaldamento dopo la sintonizzazione.

Impostare la tua intenzione
Abbiate un quadro chiaro di ciò che il risultato di questa meditazione sarà per voi. Perchè avete scelto di farla ? Più è chiara la vostra attenzione e intenzione, più potenza c'è dietro la meditazione. Si ottiene quello che si proietta, così progetta il risultato.

I minuti della Meditazione
La scienza dello Yoga dice che ci sono lunghezze di tempo specifiche e necessarie per determinati effetti desiderati nella meditazione. Così, le meditazioni (e gli esercizi in un kriya) sono tenute per un periodo di tempo specificato.

3 minuti di meditazione influenzano il vostro campo magnetico;
11 minuti di meditazione interferiscono con il sistema ghiandolare;
31 minuti di meditazione permettono alle secrezioni delle ghiandole di raggiungere le cellule del corpo;
62 minuti di meditazione intervengono sulla materia grigia del cervello;
150 minuti di meditazione (2 ore e mezza) cambiano le cellule e i tessuti del corpo e ricostruiscono il vostro sistema. Siete ricostruiti come quando eravate nell'utero materno.

Cicli Meditativi di Trasformazione
Impegnarsi in un pratica personale, rende il processo meditativo di trasformazione e di scoperta di sé, proprio. Per padroneggiare gli effetti di una meditazione, praticala come un sadhana, una disciplina quotidiana. Questo svilupperà l'abitudine a promuovere la vita. L'abitudine ci controlla così tanto che si dice che in realtà possiamo cambiare il nostro destino cambiando le nostre abitudini. Possiamo usare vari cicli della mente umana per contribuire a sostituire i modelli indesiderate di comportamento con quelli nuovi, più positivi. Scegli una meditazione che si adatta ai tuoi obiettivi e/o ti ispira, e impegnati a praticarla per 40, 90, 120 o 1000 giorni.

40 giorni: Cambiare un'abitudine.
90 giorni: Confermare l'abitudine.
120 giorni: Tu sei la nuova abitudine.
1000 giorni: Padronanza della nuova abitudine.
-
Ti è piaciuto questo articolo ?
Iscriviti a Sat Nam Newsletter e riceverai gratuitamente articoli, informazioni e suggerimenti sullo Yoga. Riceverai inoltre i link di accesso a 2 videolezioni complete in italiano di Kundalini Yoga con Onkar Singh Roberto.

2 commenti:

  1. Se sopravviene uno sbadiglio, un colpo di tosse, uno starnuto...devo controllarlo oppure interrompere la recitazione del mantra oppure continuare a recitare facendo quello che viene? Grazie, Luciana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. " .... Le distrazioni sono la regola. Basta continuare e tornare al mantra o ad altri punti di messa a fuoco...."

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Google+