Anahata, il Quarto Chakra


Dai Chakra più bassi viaggiamo verso il punto di equilibrio tra il regno fisico e il regno sottile: il 4° Chakra. Una volta che ci colleghiamo e abbiamo pienamente risvegliato le energie dei primi tre Chakra, possiamo usare queste passioni per beneficiare il quadro più ampio del Sé. Possiamo crescere dalla nostra base stabile verso una maggiore comprensione del grande senso di chi siamo in relazione con l'Universo. (Per un'ampia selezione di libri sui Chakra acquistabili online clicca qui)

Banner Centro Yoga & Massaggi Sat Nam
"Il tuo cuore non si deve aprire agli altri. Il tuo cuore si deve aprire a te stesso." (Yogi Bhajan)

Il Kundalini Yoga è una scienza meravigliosa per prepararci a vivere da Anahata. Yogi Bhajan ha parlato spesso dell'importanza della comunicazione proveniente dal Chakra del Cuore ed è stato un fulgido esempio di amore universale incondizionato. Nel condividere il Kundalini Yoga, ci ha dato gli strumenti per trovare l'amore incondizionato per noi stessi, gli altri e il Divino.

Anahata significa "non colpito" e si riferisce al ritmico e costante battito o vibrazione del cuore. Molti antichi testi yoga dicono che c'è un suono che non è fisico e questo suono trascendentale vibra all'infinito, come il battito del cuore di tutta la creazione. Come ci muoviamo verso un tempo più centrato nel cuore per l'umanità, molti di noi stanno vivendo una connessione più profonda con questo 4° Chakra.

Secondo la saggezza del Kundalini Yoga, questo Chakra è legato al cuore fisico, ai polmoni, alle braccia, alle mani, alla ghiandola del timo e al sistema immunitario. Quando siamo disconnessi dalla energia di questo Chakra, possiamo sperimentare difficoltà fisiche con il cuore, il sistema circolatorio, la pressione arteriosa, i polmoni e avere un costante disagio fisico. L'esercizio fisico quotidiano al di fuori della pratica del Kundalini Yoga può essere molto utile per la forza e la funzionalità di questi aspetti.

Energeticamente, il Chakra del Cuore è legato alla compassione e all'amore incondizionato. Se siamo completamente collegati e viviamo dal nostro 4° Chakra, trattiamo tutti con gentilezza e offriamo il perdono liberamente. Noi compresi ! In questo spazio, troviamo l'equilibrio tra i nostri desideri terreni e le attività spirituali. Accettiamo che tutto è come dovrebbe essere e vediamo Dio in tutto. Attraverso il Chakra del Cuore, l'amore è la nostra motivazione e le nostre relazioni con gli altri, con la natura e con noi stessi sono armoniose.

Il Kundalini Yoga è un ottimo modo per connettersi alla radice del Quarto Chakra, l'amore di sé. La tecnologia dei kriya lavora per spogliare gli strati di spazzatura e detriti in modo da poter scoprire la nostra luce interiore. Una volta che siamo pieni di amore possiamo davvero amare gli altri, non importa cosa.

Se siamo disconnessi dalla energia del 4°Chakra, tendiamo a sentirci alienati, solitari, tristi e mettiamo in discussione l'esistenza dell'amore. E' facile stare male, temere il rifiuto ed essere dipendenti dall'affetto degli altri. Possiamo essere crudeli, critici, aggressivi e cercare di dare e condividere con coloro che non lo vogliono. Amorevolmente come sempre, il Kundalini Yoga viene in soccorso !

Fonte: Akaljas Kaur Medley; Traduzione: Onkar Singh Roberto
-
Ti è piaciuto questo articolo ?
Iscriviti a Sat Nam Newsletter e riceverai gratuitamente articoli, informazioni e suggerimenti sullo Yoga. Riceverai inoltre i link di accesso a 2 videolezioni complete in italiano di Kundalini Yoga con Onkar Singh Roberto.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Google+