La Scienza dello Zero


Nella scienza dello Yoga si chiama Shunia; ecco una meditazione data da Yogi Bhajan, il Maestro del Kundalini Yoga, per entrare nel Sè neutrale. (Per un'ampia raccolta di pubblicazioni sul Kundalini Yoga acquistabili online clicca qui)

Banner Centro Yoga & Massaggi Sat Nam
Quando la coscienza cambia, le persone cambiano con essa. Alcune persone cambiano, altre no. Il criterio dell'Era dei Pesci era: "Voglio sapere, voglio imparare, voglio capire, voglio fare esperienza di Dio". E' stato il momento della ricerca. L'Era dell'Acquario è, "Non c'è ricerca". E' un tempo per essere. E' un tempo per essere Dio, per trovare dentro di te la Divinità, la forza nei tuoi modi, nella tua grazia. Tu sei nella Dignità, tu sei nella Individualità, tu sei nella Personalità. La teoria è che l'uomo nasce innocente e deve essere introdotto e conoscere Dio. E così come ci sono tante persone, ci sono tante fedi e direzioni.

Così, mentre il tempo passa e va avanti, ancora nessuno ha imparato e pensato che, "Come è, nello stesso momento, non è." Quando capisci la scienza del "E' e non è", allora automaticamente l'Inconscio in te ti dà l'intuizione, e con questa intuizione puoi vivere bene. Questo è lo scopo.

Nella scienza dello Yoga si chiama la scienza di Shunia. La migliore traduzione in inglese è "The Science of Zero." (La Scienza dello Zero). E' uno sviluppo pratico del sé umano. La scienza dello Zero è: tutto moltiplicato per zero, diventa zero. Quando conosci lo zero, allora non c'è altro da sapere, tu sai ogni altra cosa. La potenza dello zero è nel Sé neutrale attraverso il quale l'intuizione ti può guidare e tu puoi imparare ad essere tu. Una volta che tu sei tu, ogni tuo pensiero è prezioso, la tua esistenza scorrerà, e l'intera Natura ti aiuterà.

Devi capire, senza soddisfazione emotiva non si può avere soddisfazione personale e sviluppo. Ma, d'altra parte, c'è un'altra soddisfazione: si chiama "riconoscimento del Sè". Questa è l'emozione più elevata - la meditazione sullo zero, Shunia.

(Estratto da una conferenza tenuta da Yogi Bhajan l'11 novembre 1994 a Los Angeles, California)

Meditazione per Shunia
Posizione: siedi in posizione facile o su una sedia con la colonna vertebrale diritta. Fai i pugni con entrambe le mani. Tocca con il pollice di ciascuna mano la collinetta di pelle alla base del mignolo e lascia che le altre dita avvolgano i pollici. Alza le braccia tese sopra la testa, mantenendo le spalle rilassate, gomiti e braccia perpendicolari al suolo. Applica ritmicamente e con le dita, una pressione sui pollici, a tempo di musica con il Mantra Adi Shakti. Durata: 31 minuti. Occhi chiusi.

(Quando teniamo il nostro ego, i pollici, noi conquistiamo l'ego così che possiamo facilmente arrivare al punto di Shunia - il punto dello zero. Una volta che arriviamo a quel punto, l'Universo può fluire attraverso di noi. - Yogi Bhajan)

Mantra Adi Shakti
Adi shakti adi shakti, adi shakti, namo namo
Sarab shakti, Sarab shakti, Sarab shakti, namo namo
Pritam bhagwati, Pritam bhagwati, Pritam bhagwati namo namo
Kundalini mata shakti mata shakti namo namo

Traduzione:
Mi inchino alla potenza primordiale.
Mi inchino al tutto che comprende il potere e l'energia.
Mi inchino a quello attraverso il quale Dio crea.
Mi inchino al potere creativo della Kundalini, il Potere della Madre Divina.

(Per un'ampia raccolta di pubblicazioni sul Kundalini Yoga acquistabili online clicca qui)

(Per acquistare online i Mantra del Kundalini Yoga clicca qui)
-
Ti è piaciuto questo articolo ?
Iscriviti a Sat Nam Newsletter e riceverai gratuitamente articoli, informazioni e suggerimenti sullo Yoga. Riceverai inoltre i link di accesso a 2 videolezioni complete in italiano di Kundalini Yoga con Onkar Singh Roberto.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Google+