Perchè bruciare gli Incensi ?


In questo articolo tratto da isvara.org, scopriamo le origini e il perché dell'uso di bruciare gli incensi. Per una vasta scelta di incensi acquistabili online clicca qui.

Banner Centro Yoga & Massaggi Sat Nam
"Bruciare incensi, come tramite tra l'uomo e il mondo divino, è un uso antichissimo. Alla base della Sfinge è posta una grossa lastra di granito su cui è raffigurato il faraone Thutmos nell'atto di offrire incenso ed olio ad un dio dal corpo di leone.

Ad Eliopoli, la Città del Sole, l'incenso veniva bruciato tre volte al giorno: all'alba si bruciava olibano, a mezzogiorno mirra e al tramonto una miscela di 16 ingredienti chiamata kyphi, il cui uso si diffuse anche presso Greci e Romani. Altrettanta popolarità riscosse l'uso degli incensi e delle sostanze aromatiche in Oriente e, in particolare, India e Cina vantano tradizioni antichissime.

Le religioni dell'India sono da sempre legate ad un uso massiccio dell'incenso, le cui virtù si fondano sul profumo e sul fumo che sale verso il cielo, ottenuto attraverso la sapiente combinazione di resine ed altre parti della pianta. Gli incensi rappresentano un omaggio alla divinità, una via di purificazione, un modo per attivare la comunicazione fra l'uomo e il divino, un mezzo per sospingere l'anima verso il cielo.

Il fumo dell'incenso rappresenta simbolicamente l'unione di Fuoco e Aria.

E' un modo per creare uno spazio rituale, un angolo cerimoniale al di fuori dello spazio e del tempo in cui raccogliersi, meditare e risvegliare le proprie capacità latenti e divinatorie.

Proprio perché varie sono le tradizioni, ciascuna civiltà ha sviluppato un uso diverso in riferimento alle fragranze da bruciare, prediligendo ora l'aspetto più mistico e spirituale, ora quello più propiziatorio e pratico.

Le tre resine più conosciute, ciascuna delle quali presenta precise caratteristiche e finalità di utilizzo, sono:

Benzoino
Si tratta di una resina che si ottiene praticando delle incisioni nella corteccia dell'albero di Styrax benzoin. Ha un profumo penetrante, caldo, che favorisce la stimolazione spirituale e la purificazione. Da solo, o in combinazione con altre resine, aiuta a sviluppare gioia, armonia, serenità. E' associato al Sole ed all'elemento Aria.

Mirra
E' una resina fragrante e aromatica dal colore bruno rossastro prodotta dalla pianta di Commiphora mirrha. Conosciuta ed utilizzata fin dall'antichità come incenso di protezione e purificazione, E' apprezzata anche in rituali di guarigione, per consacrare e inviare benedizioni. E' associata al Sole ed all'elemento Acqua.

Incenso (Olibano)
E' sicuramente la resina più apprezzata e conosciuta estratta da piante del genere Boswellia. Si brucia per generare vibrazioni che purificano, consacrano e proteggono. Favorisce la meditazione e le visualizzazioni e, già nell'antichità, era nota come simbolo di santità e di purezza. E' associata al Sole ed all'elemento Fuoco."
-
Ti è piaciuto questo articolo ?
Iscriviti a Sat Nam Newsletter e riceverai gratuitamente articoli, informazioni e suggerimenti sullo Yoga. Riceverai inoltre i link di accesso a 2 videolezioni complete in italiano di Kundalini Yoga con Onkar Singh.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Google+