Le Contrazioni del Corpo applicate nel Kundalini Yoga (Bandh)


Le bandh, o contrazioni del corpo, dirigono prana e apana, l'energia generatrice e quella di eliminazione, durante la pratica del Kundalini Yoga come insegnato da Yogi Bhajan. (Per un'ampia raccolta di pubblicazioni sul Kundalini Yoga acquistabili online clicca qui)

La fusione di queste due energie apre il flusso di energia all'interno del canale energetico centrale lungo la spina dorsale, sushmuna, e risveglia dolcemente l'energia Kundalini in maniera controllata. Con la continua e approfondita pratica delle bandh, i sistemi del corpo sono puliti, ristorati e perfezionati grazie alla circolazione dell' energia kundalini.

La funzione primaria delle bandh, o contrazioni del corpo, è quella di creare la forza interna per tenere aperto sushmuna e, allo stesso tempo, creare una pressione idraulica che incoraggi l'energia a muoversi liberamente all'interno di questo canale.

Sushmuna è un canale spirituale, ma la sua controparte fisica è la spina dorsale. E' di primaria importanza mantenere l'integrità e l'allineamento della colonna vertebrale in modo che questo canale possa restare aperto. Le bandh non sono solo misure forti utilizzate occasionalmente per creare un impulso di energia, ma sono anche sottili contrazioni interne che possono essere applicate in modo coerente per tenere la spina dorsale nel corretto allineamento.

Attraverso l'utilizzo di uno o più bandh possiamo consapevolmente costruire una struttura interna che crea e sostiene il corretto allineamento della colonna vertebrale per qualsiasi postura si voglia assumere. Con una corretta strutturazione interna delle bandh, il nostro allineamento posturale utilizza solo i muscoli più appropriati per tenere la posizione e questo consente di rilasciare inutili tensioni nel resto del corpo.

Queste tecniche consolidano gli effetti della pratica del Kundalini Yoga e dirigono il prana nel canale fisico ed energetico al fine di promuovere la guarigione, la energizzazione e il rafforzamento di tutto l'essere umano.

Contrazione del Collo (Jalandhar Bandh) 
Cosa è: Jalandhar Bandh è la contrazione fondamentale e più generalmente applicata. Essa regola il movimento grossolano e sottile nella parte superiore del corpo.
Come fare: Sollevare il torace e lo sterno verso l'alto mentre si allunga la parte posteriore del collo tirando il mento all'indietro. Il collo, la gola e il viso rimangono rilassati.
Quando applicarla: durante tutti i canti di meditazione e con il pranayama. Utilizzabile sia in apnea positiva che negativa.
Perché applicarla: concentra le secrezioni del sistema ghiandolare, aumentando così la loro interconnessione. Regola la pressione sanguigna. Riduce al minimo le distrazioni esterne. Sigilla l'energia nel tronco cerebrale e nel Centro della Luna (il mento). Dirige l'energia pranica nel canale centrale, calmando il cuore.

Contrazione della Radice (Mulbandh)
Cosa è: Mulbandh è come un blocco idraulico alla base della spina dorsale. Coordina, stimola e bilancia le energie coinvolte con il retto, gli organi sessuali e il punto dell'ombelico (vale a dire i tre chakra inferiori).
Come fare: tre azioni sono applicate insieme in un liscio, rapido, movimento fluente. In primo luogo, tenere contratti i muscoli intorno all'ano. Poi tenere contratti i muscoli intorno dell'organo sessuale (come per fermare il flusso di urina). Infine, contrarre i muscoli del basso addome e il punto di ombelico verso la colonna vertebrale.
Quando applicarla: applicata spesso al termine di un esercizio. A volte applicata - continuamente o ritmicamente - in tutto una meditazione o un esercizio fisico. Utilizzabile sia in apnea positiva che negativa. Le donne in fase mestruale non dovrebbero eseguire Mulbandh.
Perché applicarla: cristallizza l'effetto di un esercizio. Miscela prana e apana al centro dell'ombelico che, mescolati, aprono l'ingresso di sushmuna per il fluire dell'energia lungo la spina dorsale. Stimola il corretto flusso del liquido spinale.

Contrazione del Diaframma (Uddiyana Bandh)
Cosa è: Uddiyana Bandh integra verticalmente le emozioni, l'energia pranica e le funzioni che si verificano sopra e sotto il diaframma. La tensione in questo muscolo - e le emozioni che vi si accumulano - può rendere questa contrazione più difficile da effettuare.
Come fare: Inspirare, poi espirare completamente. Tirare l'intera regione addominale in alto e indietro verso la colonna vertebrale. Il punto ombelico non è contratto, anche se esso si sposterà verso l'alto. Sollevare il torace mentre si preme leggermente la parte inferiore della colonna vertebrale in avanti. Quando è eseguita correttamente, l'incavo alla base della parte anteriore della gola si accentua. Mantenere la posizione da 10 a 60 secondi senza sforzo. Poi rilassare l'addome, inspirando gradualmente senza rilasciare la contrazione o alzando il mento.
Per molte persone è più facile praticare questa contrazione in posizione eretta. Con le gambe divaricate della stessa larghezza delle spalle, piegarsi leggermente in avanti, mani sulle ginocchia e schiena dritta. Sollevando il petto leggermente, applicare la contrazione.
Quando applicarla: a stomaco vuoto. Utilizzabile sono in apnea negativa (dopo aver esalato completamente).
Perché applicarla: massaggia gli intestini e il muscolo cardiaco. Stimola la disintossicazione, promuove la giovinezza. Rafforza l'elemento fuoco, il Terzo Chakra, e apre il Chakra del cuore, con conseguente aumento di bontà, compassione e pazienza.

La Grande Contrazione (Mahabandh)
Cosa è: Mahabandh è parte dell'infrastruttura centrale del Kundalini Yoga.
Come fare: Con il fiato sospeso fuori, si applicano tutte e tre le contrazioni (collo, diaframma, e radice) contemporaneamente.
Quando applicarla: a stomaco vuoto. Utilizzabile solo in apnea negativa. Realizzata in varie posizioni e con diverse mudra (posizione delle mani).
Perché applicarla: ringiovanisce le ghiandole, i nervi e i chakra. Si dice che curi molte malattie come la pressione sanguigna impropria, i crampi mestruali, l'irregolarità intestinale, e altro ancora.

N.B.: Le informazioni contenute provengono da una antica tradizione yogica. Nulla deve essere interpretato come consulenza medica. Verificate sempre col vostro medico personale l'applicabilità di tali tecniche in relazione al vostro stato di salute.

Fonte: 3HO; Traduzione di Onkar Singh Roberto
-
Ti è piaciuto questo articolo ?
Iscriviti a Sat Nam Newsletter e riceverai gratuitamente articoli, informazioni e suggerimenti sullo Yoga. Riceverai inoltre i link di accesso a 2 videolezioni complete in italiano di Kundalini Yoga con Onkar Singh Roberto.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Google+